Playground-Sculptures

//Playground-Sculptures

Playground-Sculptures

Come nei pannelli, le sculture della serie Playground propongono il medesimo cannibalismo scultoreo, nel quale il flusso quotidiano si trasforma nel serbatoio da cui attinge per offrire una sardonica critica sulla società consumistica che ci circonda: la serie dei Synthethic Brains, opere installative da cui letteralmente straripano flussi di oggetti e di informazioni pressoché infiniti, paiono domandare allo spettatore: quali dei nostri oggetti quotidiani sono realmente a noi necessari? E quanto sono funzionali ad una effettiva conoscenza del mondo che ci circonda?  La reazione naturale a tale accumulo esagerato è un azzeramento della percezione; le miriadi di oggetti e giocattoli vengono coperti da una colata lavica di colore che tutto appiattisce ed annulla.

[envira-gallery id=”661″]

By | 2018-05-17T22:05:12+00:00 28 Maggio, 2015|Portfolio|0 Comments

About the Author: